Passione sartoriale veneta dal 1962
  • Italianità

    Si chiama Italianità ed è la nuova capsule collection Peserico per la prossima estate: quattro t-shirt in edizione limitata, ispirate ad alcuni degli scorci più belli delle città di Venezia e Vicenza. L’iniziativa nasce dalla volontà del brand di raccontare il proprio territorio, mettendone in risalto la bellezza, ma anche il suo rapporto con l’individuo, scegliendo luoghi reali e vissuti dalle persone. Le piazze, le vie, i palazzi, raccontano una bellezza vera, quotidiana, così come la moda Peserico ha sempre voluto essere. Un viaggio nel Belpaese che inizia con la rappresentazione di due tra i luoghi più suggestivi del patrimonio veneto – Piazza Dei Signori a Vicenza e il Canal Grande di Venezia – , ma che in realtà è solo la prima tappa di un progetto più ampio, destinato ad allungare il suo sguardo in altre zone del Veneto e dell’Italia. Le immagini riprodotte sulle t-shirt nascono dalla collaborazione con Alessandra Chemollo, fotografa veneziana che nel corso della sua attività ha usato il suo obiettivo proprio per raccontare il legame tra spazio architettonico e fotografia, e sono state poi rielaborate graficamente dal team creativo di Peserico, fino a dare vita ad una collezione dal forte impatto visivo. Le t-shirt Italianità, tutte facilmente abbinabili per un outfit casual ma sempre chic, nascono come portatrici di un messaggio di bellezza, come un invito implicito a rendersi orgogliosi testimonial del naturale splendore che ci circonda in tutta la nostra penisola.
    Condividi:
  • QUATTRO T-SHIRT LIMITED EDITION RIPRODUCONO GLI SCORCI PIÙ BELLI DEL TERRITORIO VENETO E SARANNO IN VENDITA DA GIUGNO 2019 NELLE BOUTIQUE PESERICO.
  • QUATTRO T-SHIRT LIMITED EDITION RIPRODUCONO GLI SCORCI PIÙ BELLI DEL TERRITORIO VENETO E SARANNO IN VENDITA DA GIUGNO 2019 NELLE BOUTIQUE PESERICO.
  • Vicenza, Colonnato Piazza dei Signori
  • Vicenza, Piazza dei Signori
  • Verona
  • Venezia, Rialto
  • Venezia, Palazzo Ducale
  • Padova
  • Alessandra Chemollo è nata a Treviso nel 1963 e vive a Venezia. Si è laureata presso l’Università di Architettura IUAV di Venezia nel 1995, con una tesi sulla relazione tra architettura e fotografia (“Storia Fotografica dell’opera di Alvaro Siza”). La riflessione sulla rappresentazione dell’opera architettonica si sviluppa nel suo lavoro professionale e nei progetti autonomamente prodotti, senza soluzione di continuità. Ha realizzato progetti fotografici a illustrazione di numerosi testi monografici, approfondendo specifiche modalità di lettura dell’opera architettonica a partire da assunti documentari, grazie alla stretta collaborazione con gli storici dell’architettura - a partire dall’esperienza con Manfredo Tafuri. Nella sua trentennale esperienza professionale, spazia dall’architettura storica a quella contemporanea e sviluppa ambiti teorici con finalità didattica e curatoriale. Nel 2012 ha esposto (“L’architetto invisibile”) alla 13° Biennale di Architettura di Venezia. Nel 2014 è vincitrice del premio sannita per la Critica della Fotografia. È docente del modulo di Fotografia del Master di Paesaggio allo IUAV.
Questo sito utilizza cookie di terze parti. Per informazioni maggiori leggi la privacy policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.