Peserico
Riccardo Peruffo

Riccardo Peruffo

Riccardo Peruffo, Amministratore Delegato e Direttore Creativo del marchio Peserico, nasce nel 1974 a Valdagno, la città vicentina rinomata per la secolare lavorazione della lana. Figlio di Giuseppe Peruffo e Maria Peserico – fondatori del marchio Peserico – fin da piccolo impara a conoscere il mondo dell’abbigliamento, vivendo da vicino la vita di un laboratorio di confezioni che proprio in quegli anni si trasforma in un’impresa moderna e strutturata. In famiglia impara la predilezione per il “lavoro ben fatto”: un’attenzione per la qualità e per la cura dei particolari che, nel tempo, si è trasformata in un tratto peculiare del suo carattere.
Dopo la laurea in Scienze Economiche ottenuta all’Università di Padova, entra in azienda contribuendo a sviluppare le collezioni donna verso un vero e proprio total look. Nei primi anni duemila, sotto la sua guida, la Peserico rafforza sempre più la presenza estera, iniziando ad inaugurare in Italia i primi Flagship Store di proprietà. L’architettura e gli arredi scelti per le diverse boutique si rifanno ad una precisa estetica personale, che si riflette anche nella costruzione delle collezioni proposte, sempre affidate ad uno stile lineare e a volumi fortemente contemporanei, declinati sulle tinte naturali e sugli accostamenti ottenuti sui toni intermedi e sulle diverse gradazioni di grigio.
read more

Riccardo Peruffo

Riccardo Peruffo, Amministratore Delegato e Direttore Creativo del marchio Peserico, nasce nel 1974 a Valdagno, la città vicentina rinomata per la secolare lavorazione della lana. Figlio di Giuseppe Peruffo e Maria Peserico – fondatori del marchio Peserico – fin da piccolo impara a conoscere il mondo dell’abbigliamento, vivendo da vicino la vita di un laboratorio di confezioni che proprio in quegli anni si trasforma in un’impresa moderna e strutturata. In famiglia impara la predilezione per il “lavoro ben fatto”: un’attenzione per la qualità e per la cura dei particolari che, nel tempo, si è trasformata in un tratto peculiare del suo carattere.
Dopo la laurea in Scienze Economiche ottenuta all’Università di Padova, entra in azienda contribuendo a sviluppare le collezioni donna verso un vero e proprio total look. Nei primi anni duemila, sotto la sua guida, la Peserico rafforza sempre più la presenza estera, iniziando ad inaugurare in Italia i primi Flagship Store di proprietà. L’architettura e gli arredi scelti per le diverse boutique si rifanno ad una precisa estetica personale, che si riflette anche nella costruzione delle collezioni proposte, sempre affidate ad uno stile lineare e a volumi fortemente contemporanei, declinati sulle tinte naturali e sugli accostamenti ottenuti sui toni intermedi e sulle diverse gradazioni di grigio.
È un approccio stilistico che sa guardare con interesse agli aspetti più avant-garde del mondo della moda – attraverso la sperimentazione su tessuti, tagli, forme e stampe – ma che vuole rivolgersi prima di tutto ad una donna dalla personalità indipendente e pragmatica. Al lavoro creativo, svolto in continua collaborazione con la moglie Paola Gonella, con cui condivide la conduzione dell’ufficio stile, Riccardo affianca anche il ruolo manageriale nelle scelte strategiche del marchio.
Un ruolo che lo ha portato a consolidare in prima persona un aspetto che considera da sempre essenziale, e cioè il potenziamento di tutti quei processi produttivi che oggi consentono all’azienda di proporre un completo ed effettivo Made in Italy, attraverso investimenti orientati sempre allo sviluppo del saper fare locale. Una scelta per niente scontata – anzi, in decisa controtendenza rispetto a tanti altri attori di mercato – ma fortemente voluta da Riccardo, convinto che il migliore investimento possibile «sia sempre quello di scommettere sull’inimitabile tradizione italiana».

Risoluzione troppo bassa per visualizzare correttamente questo sito.

Vai alla versione mobile

Questo sito utilizza cookie di terze parti. Per informazioni maggiori leggi la privacy policy.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Chiudi il banner